Indice Newsletter:

  • La preparazione in vista della Conferenza sul futuro dell’Europa
  • Il Meccanismo europeo di stabilità
  • Il Comitato federale dell’Unione ei Federalisti Europei 
  • Il XXIX Congresso nazionale MFE

 

 

Commento

Cari Amici e care Amiche,

l’Unione europea ha finalmente completato l’impostazione della nuova legislatura, dando il via libera alla Commissione europea presieduta da Ursula von der Leyen e indicando le priorità al centro dell’impegno dei prossimi anni. Nelle parole della nuova Presidente l’Unione si propone innanzitutto di diventare un punto di riferimento globale nella lotta contro il cambiamento climatico, preparandosi a mettere in campo un Green Deal ambizioso; ma il processo ancora più importante che l’UE si appresta a varare è quello che riguarda la Conferenza sul futuro dell’Europa.

Questa proposta, inizialmente avanzata dal Presidente francese Macron nella sua “Lettera ai cittadini europei” del 4 marzo 2019 e ripresa poi dalla Presidente della Commissione europea nel suo discorso di investitura e nelle sue linee programmatiche, pone di fatto la questione della rifondazione dell’Unione europea al centro della nuova legislatura europea. La Conferenza sarà composta da rappresentanti delle istituzioni europee, ma anche da cittadini, perché l’obiettivo è proprio quello di rendere pubblico il dibattito e di coinvolgere direttamente la società nel confronto su quale Europa vogliamo costruire per essere in grado di far fronte alle sfide poste dal nuovo quadro internazionale.

Il Consiglio europeo del 12-13 giugno dovrebbe fissare le modalità di avvio di questo processo. Ne stanno discutendo sia la Commissione, sia il Parlamento europeo, che dovrà cercare di avere un ruolo centrale in questo processo. Anche la Francia e la Germania hanno da poco reso pubblica una proposta che avanza l’ipotesi di dare alla Conferenza un mandato aperto anche alla riforma dei Trattati e piuttosto ambizioso – tenendo conto che si tratta di una proposta formulata da due governi nazionali. Trovate il “non-paper” franco-tedesco qui; nel delineare l’iter della Conferenza riprende molti dei punti avanzati soprattutto dalla Commissione Affari costituzionali del Parlamento europeo e ha molte coincidenze con le posizioni che noi federalisti stiamo sostenendo e che trovate sia in questo documento congiunto MFE-GFE e Movimento europeo Italia (link) sia nella piattaforma europea appena approvata a Roma nel corso della riunione statutaria della nostra organizzazione europea, l’UEF (Unione dei Federalisti Europei) (link ENG , IT). Manca, come è ovvio, la parte che al momento solo i federalisti rivendicano, ossia la proposta che i risultati della Conferenza si traducano in una bozza di nuovo Trattato, che possa essere sottoscritto anche solo da un gruppo di Stati dell’UE, per andare a creare una nuova Unione politica all’interno dell’attuale Unione europea. Ma questo sarà il cuore della nostra campagna nei prossimi due anni, durante i quali lavoreremo per innescare nel processo aperto dalla Conferenza la battaglia costituente.

* * *

Un’ultima osservazione in chiusura. In questi giorni la politica del nostro paese è agitata dallo scontro attorno alla riforma del Meccanismo europeo di stabilità. Si tratta di uno scontro strumentale, la cui prima vittima sono la credibilità e la serietà del nostro Paese.  Qui trovate il comunicato congiunto MFE-GFE e qui una scheda che fornisce le informazioni fondamentali sia sul MES che sulla riforma che si sta discutendo.

Vi lascio con le immagini sia del Congresso nazionale del MFE che si è svolto a Bologna dal 18 al 20 ottobre, sia del Comitato federale dell’UEF e dei due eventi pubblici che hanno preceduto le nostre riunioni statutarie.

Cordialmente,
Luisa Trumellini
Segretaria nazionale MFE

Indice Newsletter:

  • Valutazioni sul voto europeo
  • Insediamento del nuovo Parlamento europeo
  • I risultati della campagna Verso le Elezioni europee 2019

Indice Newsletter:

  • Verso le elezioni europee – E’ Iniziato il confronto con i candidati
  • 9 maggio, Festa dell’Europa: Tutti in piazza per l’Europa
  • Milano, 10 maggio, Palazzo delle Stelline, ore 15-19. Incontro politico con le parti sociali e le forze politiche su: L’urgenza di creare una sovranità europea

Indice Newsletter:

  • Lancio a Bruxelles, a Parigi e a Milano della campagna europea I choose Europe - prossimo appuntamento: Berlino, 21 febbraio
  • Prosegue nel quadro della campagna europea I choose Europe la campagna MFE Verso le elezioni europee 2019, Per un’Italia europea. Io scelgo l’Europa: democratica, sovrana, federale.

  • Prosegue la campagna Per un’Italia europea – Verso le elezioni europee del 2019
  • Congresso europeo dell’Unione Europea dei Federalisti a Vienna
  • Appuntamento a Milano il 10 dicembre, Palazzo delle Stelline: Verso le elezioni europee 2019 – Le sfide per la competitività, lo sviluppo e la convergenza nell’area Euro: Come costruire gli strumenti europei?

 

La riunione è stata l'occasione per fare il punto sulla situazione politica in Italia e sullo stato di avanzamento della campagna del MFE Per un'Italia europea in un'Europa federale.

 

Cari Amici,

vi segnaliamo alcuni appuntamenti importanti e vi rimandiamo alle notizie sulla nostra Campagna, in particolare ai resoconti della prima Action week dedicata alle iniziative per la diffusione del nostro questionario.

 

  • Lanciata la Campagna Per un'Italia europea in un’Europa federale – Verso le elezioni del 26 Maggio 2019
  • Appello Per un'Italia europea in un’Europa federale
  • La posta in gioco
  • Nuovo numero de L’Unità europea

  • Varata la Campagna del MFE fino alle elezioni europee
  • Il vicolo cieco dell’Europa intergovernativa
  • La vera strada del cambiamento per l’Italia
  • Nuovo numero de L'Unità europea

  • Le nuove minacce alla sopravvivenza dell’Europa
  • Le iniziative del MFE a sostegno del Presidente Mattarella
  • Senza una vera riforma dell’Unione economica e monetaria l’Europa non potrà avanzare
  • Telegramma del MFE al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte
     

  • Le elezioni politiche italiane del 4 marzo e il vicolo cieco cui conduce l’integrazione europea a piccoli passi
  • Comunicato "Senza una vera riforma dell'Unione economica e monetaria l'Europa non potrà avanzare"
  • Lettera aperta alle forze politiche italiane e mozione del Comitato centrale MFE (Roma, 7 aprile)
  • Appello alla Francia e alla Germania per riformare l’Unione europea
  • Nuovo numero de L’Unità europea